Il futuro del web marketing non è nel web, è in noi.

Il futuro del web marketing non è nel web, è in noi.

È nella nostra capacità di reinventare un ruolo per noi e per le nostre aziende, dimenticandoci di tecnologie e di strumenti e dimenticandoci di molto di ciò che crediamo di sapere.

Il momento è importante per la società, per il mercato e per il futuro personale di tutti: clienti, consumatori, dipendenti ed addetti ai lavori. Abbiamo davanti una discesa impegnativa da affrontare prima di poter tornare a camminare, prima, e a correre di nuovo, poi.

E, come in montagna, ciò che davvero ci serve per scendere a valle non sono scarponi nuovi, o ramponi diversi, o equipaggiamento in più.

Occorrono mente aperta, piedi veloci e colpo d’occhio.

Servono poche indicazioni, ma chiare, ed una direzione da prendere.

Abbandonare le vecchie convinzioni, mettere in discussione tutto ciò che pensavmo fosse certo e la falsa sensazione di sicurezza che dà lo scendere con il peso arretrato verso la montagna, come pensavamo giusto.

È il momento invece di sporgersi in avanti, definire un obiettivo, darsi una visione e condividerla.

E l’aderenza sotto le suole ritornerà.

Farsi carico di proposizioni di valore, rendersi speciali, comunicare come si vorranno condividere esperienze in relazioni.

Utilizzare la tecnologia esistente per valorizzare ed amplificare il nuovo modo di muoversi, non acquistare ulteriore tecnologia per arrancare aggrappati alla montagna come abbiamo sempre fatto.

Basta scuse, quindi.

Fare marketing oggi, vendere, significa connettersi con i propri clienti e le connessioni risiedono non colte in ognuno di noi, in ogni dipendente, di ogni ufficio, di ogni azienda che abbia rapporti con il consumatore.

Tutti collettivamente responsabili del marketing della propria azienda, anche se nessun mansionario ne parla ancora. Si tratta solo di capire individualmente il valore di ciò che si fa, ma dal punto di vista delle persone che si vogliono raggiungere.

Le relazioni nascono solo così e le relazioni, contestualizzate, sono l’essenza del business.

Sporgersi in avanti. Quel che facciamo in questo momento difficile è importante, ha un valore che dipende solo da noi individualmente; non è scritto l’esito e non sono definiti vantaggi e ricompense una volta scesi a a valle.

Ma iniziamo a farlo nel modo corretto: peso in avanti, direzione chiara e mente sgombra.

L’equipaggiamento viene molto, molto dopo.